Secondo appuntamento, oggi, con la rassegna letteraria organizzata dall’istituto Ruffini-Aicardi di Arma. Alle 16,30, al Palafiori di Sanremo il poeta e scrittore Giuseppe Conte presenterà il suo libro ‘Poesie’ pubblicato come Oscar Mondadori. L’incontro, voluto dal preside Sergio Maria Conti, aperto a tutti, è valido quale aggiornamento per gli insegnanti. Il meglio della lirica contiana, espressa fra il 1983 e il 2015, è raccolta in questo volume di 390 pagine. Conte, che sarà presentato da Antonio Panizzi, è considerato il maggior poeta italiano vivente. Tradotto in diciassette lingue (compreso l’arabo), si era parlato di li, qualche anno fa, come papabile per l’assegnazione del Premio Nobel per la letteratura.
Nato da madre ligure e da padre siciliano nel 1945 a Porto Maurizio, dove poi ha frequentato elementari e medie, ha precocemente mostrato grande interesse, oltre che per la letteratura, per la geografia, l’astronomia e la musica. Dopo lunghi soggiorni a Londra e Parigi, tornato in Italia si è laureato in Lettere e Filosofia con indirizzo estetico all’Università statale di Milano. Si è segnalato prima e imposto poi come poeta innovativo e di valore assoluto. Ha portato poesia e mito in tv nel programma settimanale di Rai2 ‘L’altra edicola’. È stato anche invitato dall’Unesco a rappresentare l’Italia nel World Institute for Opera and Poetry. Ha anche collaborato per riviste e giornali fra i quali La Stampa, Il Giornale, Il Secolo XIX. Ha prefato o tradotto opere di Walt Whitman, Adunis, Rabindranath Tagore, Jacques Prévert, Pablo Neruda, Serge Rezvani, Juan Gelman, Juan Uslé, William Blake, Percy Shelley, D. H. Lawrence, Victor Segalen. Dopo aver vissuto a Nizza, ora abita a Sanremo, con la moglie Mariarosa. Numerosi i premi vinti fra i quali il Viareggio, lo Stress, l’Hemingway e il Pannonius, il più prestigioso al mondo per la poesia.
Fra le decine di opere, fra quelle in versi L’oceano e il ragazzo, 1983, Dialogo del poeta e del messaggero, Milano, Mondadori, 1992, Canto d’oriente e d’occidente, Milano, Mondadori, 1997, Ferite e rifioriture, Milano, Mondadori, 2006. Fra i libri di narrativa, Primavera incendiata, Milano, Feltrinelli, 1980, Equinozio d’autunno, Milano, Rizzoli, 1987, I giorni della nuvola, Milano, Rizzoli, 1990, Fedeli d’amore, Milano, Rizzoli, 1993, L’impero e l’incanto, Milano, Rizzoli, 1995; Genova, De Ferrari, 2003, Il ragazzo che parla col sole, Milano, Longanesi, 1997, Il terzo ufficiale, Milano, Longanesi, 2002, La casa delle onde, Milano, Longanesi, 2005, L’adultera, Milano, Longanesi, 2008, Il male veniva dal mare, Milano, Longanesi, 2013. Notevole anche la produzione saggistica.