La Rari Nantes Imperia57 va veloce non solo con le Prime Squadre. Fioccano ottimi risultati anche tra le giovanili dove, maschile e femminile, si sono messe in mostra raccogliendo tanti applausi.
Tra le ragazze, spicca la convocazione nel SetteRosa di Giulia Cuzzupè. Non ancora maggiorenne, è stata chiamata dal ct Conti per il Collegiale di Pasqua e sono state soltanto due le giocatrici di SerieA2 selezionate. Con la Prima Squadra ha già segnato 27 reti in questa stagione e Giulia non ha alcuna intenzione di fermarsi, seguendo le orme dell’ex mancina giallorossa Giulia Emmolo.
E la Cuzzupè è già un modello da imitare, dato che la scorsa Pasqua, insieme a Margherita Garibbo, vinse il Trofeo delle Regioni con la selezione ligure. Quest’anno, la Liguria ha vinto nuovamente (battendo Lazio 10-5) la competizione Under15 e ad alzare il trofeo a Tolentino c’erano anche le giallorosse Lise Accordino e Anna Amoretti, che ha segnato il gol d’apertura nella finale. Amoretti che è già stata convocato da Ragosa con la Prima Squadra.

A Pasqua, si può tracciare un primo bilancio positivo anche per le selezioni giovanili maschile. Sono ben tre le formazioni in testa ai rispettivi campionati. Gli Under20 comandano il Girone B, di pari passo con Locatelli, e lunedì 24 alla Cascione ci sarà proprio lo scontro diretto. Anche gli Under 17 ‘B’, allenati da Gerbò, comandano il Girone A con 4 punti di margine su Chiavari e o25 gol segnati in più. Da applausi, anche la stagione degli Under 13 guidati da Nicola Rosso che svettano nella classifica del Girone 1 dopo aver sconfitta RN Savona B ed Aragno negli scontri diretti.

Enrico Gerbò, figura storica giallorossa ed allenatore dei giovani Under 20 e Under 17, traccia un primo bilancio commentando:” Il livello è uniforme e ci scontriamo con squadre di Serie A2 e Serie B. Si è creato un bel gruppo con un’ossatura forte, composta principalmente dai 2000 e dai 2001 ai quali aggreghiamo ragazzi più piccoli. Questi inserimenti permettono ai più giovani di crescere e questa esperienza ripaga quando devono giocare contro i pari età. Abbiamo una solida base umana e tecnica: c’è solidarietà, stima e anche i più vecchi accettano l’errore dei più giovani. Prosegue la forte collaborazione con Savona e, intanto, abbiamo fatto una grande programmazione sui piccoli della Pallanuotando per ampliare il nostro bacino.”