Ha sortito i suoi effetti il corso tenuto al Liceo Aprosio dagli istruttori e Arcieri dell’Archery club Ventimiglia che, con cinque interventi settimanali ha consentito, ad alcuni alunni del Liceo, di cimentarsicon l’ antica arte del tiro con l’arco, ottenendo ottimi risultati.
Cinque appuntamenti settimanali hanno saputo produrre eccellenti risultati .Anche quest’anno, il settimo consecutivo, l’Archery club Ventimiglia ed il Liceo Angelico Aprosio di Ventimiglia, hanno organizzato il corso gratuito di tiro con l’arco. L’obiettivo dell’Archery club è di promuovere e divulgare il tiro con l’arco nelle scuole per avvicinare i ragazzi a questa disciplina.
Ieri è stata organizzata una gara che ha decretato la validità dell’insegnamento impartito .Il Presidente Mario Campagnolo ha ringraziato il Preside Giuseppe Monticone, il professore Davide Vottero, per la loro disponibilità, e i ragazzi che hanno partecipato al corso.
Gli istruttori erano Ido Ferraldeschi e Laura Lorenzi, coadiuvati dagli Arcieri Massimo Casanova Fuga (segretario), Pino Saglibene, Antonella, Mattia Lanteri, Ester Pettorossi, Damiano Vottero, Davide Salemi, Edoardo Marcuzzo e Sebastiano Gibelli.
Gli allievi che hanno partecipato al corso sono: Eya M’Ghailil, Jonathan Albert Cosenza, Marco Alija, Alice ed Asia Mezzatesta, Juanjose Ventura, Diego Pescador, Rubens Sattanino, Sebastiano Gibelli, Antonio Mongiardo Ester Pettorossi.
Erano molti di più, ma, moltissimi avevano i rientri o erano in gita. I vincitori sono stati premiati con coppe offerte dall’Archery club Ventimiglia, questi i premiati:
Ragazze: 1a Eya M’Ghailil, 2a Alice Mezzatesta, 3a Asia Mezzatesta
Ragazzi: 1° Marco Alija, 2a Jonathan Cosenza, 3° Diego Pescador, 4° Rubens Sattanino, 5° Juanjose Ventura, 6° AntonioMongiardo.
“Siamo soddisfatissimi per i risultati raccolti – affermano i dirigenti dell’Archery club Ventimiglia – e, soprattutto ci preme sottolineare come il tiro con l’arco non sia affatto uno sport “statico” come si potrebbe supporre, ma richiede anche lo sviluppo di un’intensità muscolare maggiore rispetto ad altre discipline, con un allenamento fisico anche importante”.